25 Settembre 2013  17:40

“LG sarà il brand che esprimerà la crescita più importante”

SOMg
“LG sarà il brand che esprimerà la crescita più importante”

Questo il traguardo di LG mobile nelle parole di Omar Laruccia. Il brand mira anche con il top di gamma G2 a consolidare la terza posizione

Si è svolta ieri sera a Milano, presso il palazzo della Triennale, la presentazione ufficiale dello smartphone LG G2 che però ha anche ‘ospitato’ la nuova linea di Tv Ultra HD del marchio coreano. All’evento hanno partecipato Omar Laruccia, mobile communication group director e Paolo Locatelli, sales director della BU entertainment di LG. Vero protagonista della serata è stato indubbiamente il nuovo smartphone G2 che rappresenta il flagship product con cui LG vuole consolidare la crescita di quota di mercato espressa nell’anno e che fa oggi il marchio coreano il terzo brand per quota di mercato, subito dopo i colossi Samsung e Apple: un grande ‘recupero’ rispetto alle share di due anni fa. Omar Laruccia non ha mancato di confermare il buon momento del mercato degli smartphone (oggi vero oggetto irrinunciabile per gli italiani secondo una ricerca Eurisko) che in base ai dati GfK di luglio cresce a quantità del 55% e a valore del 38%. Mercato assolutamente quindi controtendenza rispetto alla generalizzata contrazione dei consumi e acquisti. Un mercato in cui LG intende, ovviamente, giocare un ruolo da protagonista. «Vogliamo consolidare la nostra terza posizione», ha dichiarato Laruccia, «e quest’anno saremo sicuramente il brand che esprimerà la crescita più importante nel mercato italiano». A Paolo Locatelli è andato ovviamente il compito di introdurre i nuovi televisori Ultra HD. Il manager nel suo intervento, oltre a illustrare le caratteristiche tecniche dei modelli (disponibili nei formati da 65” e 55”) e a ricordare che grazie alle ultime novità oggi LG dispone della più ampia gamma di Tv Ultra HD, ha sottolineato come il mercato dei televisori ormai si stia spostando sempre più velocemente verso le grandi dimensioni con prodotti tecnologicamente all’avanguardia: i modelli oltre i 40” rappresentano oggi infatti il 55% delle vendite a valore (erano il 38% nel 2011). Una premessa che lascia ovviamente intuire quanto la ‘pressione’ del brand sarà su questi segmenti e in generale sui prodotti ad alta innovazione e quindi ad alta ‘battuta di scontrino’. Locatelli ha concluso il suo intervento annunciando l’arrivo di altre importanti novità già nelle prossime settimane, alludendo per prima cosa ovviamente all’Oled curvo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Giusto un commento sul nuovo G2...

http://gizmodo.com/lg-g2-review-a-braindead-hercules-1349343131

Using It

A fiasco from start to finish. To wake up the phone you're supposed to be able to tap twice ("knock") on the screen. I'd estimate that feature works a third of the time. After a few failed attempts in a row you will find that you can barely restrain yourself from just pounding on the damn thing. The power button in the back seems like a good idea, since it's equally convenient for right- or left-handed people. In actuality, it's magically always hard to reach, regardless of which hand you're using.

I don't even know where to start with the software. It is so insanely, universally bad across the board. Swipe down the notification panel, and literally more than half of your screen is taken up by various toggles for settings, effectively only leaving room to see two of your notifications. You then have to scroll around in that tiny area. I'm so glad I can access the auto-brightness controls which don't actually do anything!

The software is bad enough to be called unusable. Even installing Nova Launcher and SwiftKey only helped a little. You'd have to completely root this thing and install a clean version of Android before it would even be worth considering.

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 20 Ottobre 2011
    E-commerce, un affare da 8 miliardi di euro
    La spesa degli italiani nel 2011 in e-commerce raggiungerà gli 8 miliardi di euro, con un incremento quasi pari al 20% sull’anno precedente (Fonte Osservatori.