06 Agosto 2015  12:21

Lo streaming piace agli italiani

aldo cattaneo
Lo streaming piace agli italiani

Secondo Samsung Techonomic Index cresce del 12% chi sceglie questa modalità di fruizione per video e film rispetto al 2014. E siamo il Paese europeo disposto a pagare di più per contenuti personalizzati

Secondo lo studio Samsung Techonomic Index il 77% della popolazione italiana accede abitualmente a film/video in streaming con una crescita del 12% rispetto al 2014. Questo studio evidenzia come sia in atto un evidente cambiamento nelle abitudini di fruizione dei contenuti da parte dei consumatori per una nuova era dell’entertainment, caratterizzata da personalizzazione e mobilità. Il forte appeal dello streaming porta più della metà della popolazione italiana ad accedere a video/film e questo sta portando a una crescita del numero di persone disposte addirittura a spendere per fruire di questi contenuti digitali - quattro volte superiore allo scorso anno (40% vs 10%). Rispetto al resto d’Europa, gli italiani destinano circa 3 euro in più del proprio budget mensile per vivere i propri interessi e passioni: con 13,89 euro siamo tra i Paesi con la più alta spesa mensile per streaming di video/tv rispetto ad una media europea di 11,02 euro. Infine, nonostante la popolazione italiana scelga le modalità più tradizionali di accesso ai contenuti digitali come il TV, l’esplosione dell’offerta digitale accompagnata dai device tecnologici di ultima generazione sempre più portatili ha portato alla fruizione di contenuti anche tramite smartphone, tablet e laptop. Oggi 1 italiano su 3 sceglie infatti lo streaming da mobile per guardare ovunque e in qualsiasi momento la finale del proprio programma o serie tv preferita.

Contenuti correlati : film video streaming entertainment italiani
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 11 Aprile 2019
    Mercatone Uno, chiesto il concordato preventivo
    Shernon Holding, che lo scorso 9 agosto ha acquisito 55 punti vendita a insegna Mercatone Uno, ha presentato la domanda di ammissione alla procedura di concordato preventivo.