27 Aprile 2015  12:51

Lube studia la cucina senza barriere architettoniche

Silvia Mussoni
Lube studia la cucina senza barriere architettoniche

Il gruppo marchigiano ha realizzato il prototipo “Friendly Kitchen”

Il Gruppo Lube pensa una cucina per chi abbia mobilità ridotta. L’azienda infatti ha partecipato al progetto “Promozione della Ricerca Industriale e dello Sviluppo Sperimentale in Filiere Teconologico-Produttive”, finanziato dalla Regione Marche. In questo ambito, insieme a Inoxa e Fab, ha studiato e realizzato il prototipo di cucina senza barriere architettoniche, chiamata “Friendly Kitchen”, pensata per essere utilizzata universalmente. «Lo sviluppo di questo progetto – spiegano dall’azienda – parte dal concetto di “Human Centrated Design”, ovvero dall’idea di identificare e soddisfare i bisogni dell’utente, insieme ai requisiti del prodotto, per sviluppare progetti alternativi e prototipi interattivi. Lo studio ha tenuto conto soprattutto dell’interazione con lo spazio in relazione alle difficoltà e ai comportamenti disfunzionali più comuni negli utenti con ridotta mobilità». Il concept alla base dei moduli che compongono questa cucina è chiamato “Design For All”. Obiettivo è permettere adattabilità e flessibilità della struttura alle più svariate esigenze e favorire mutamenti della cucina per adeguarsi ai cambiamenti fisiologici dovuti all’età.

Contenuti correlati : barriere architettoniche Friendly Kitchen Human Centrated Design Design For All Gruppo Lube Regione Marche cucina

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 11 Marzo 2020
    Consumatori? No, persone
    Il termine consumatore? Sorpassato. E cliente? Anche. Oggi è più semplice parlare di “persone”, singoli individui...
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy