24 Ottobre 2013  16:55

Crac da 70 mln di euro per Centro Giotto

TBES
Crac da 70 mln di euro per Centro Giotto

Agli arresti domiciliari l’imprenditore Giovanni Coiante, i suoi tre figli e un commercialista di Pescara con l’accusa di bancarotta fraudolenta

Bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale, per avere cagionato con dolo il fallimento della società Mediasonicroma srl (dichiarata fallita il 15 dicembre del 2010 dal tribunale di Roma) proprietaria della catena di distribuzione Centro Giotto. A seguito di questa accusa questa mattina sono finiti agli arresti domiciliari i quattro titolari dell'azienda: Giovanni Battista Coiante, di 78 anni e i suoi figli Alessandro, Vincenzo e Stefano. Agli arresti domiciliari anche il commercialista di Pescara Riccardo De Luca, che della Mediasonicroma è stato amministratore e di liquidatore dal giugno 2009 e dall'ottobre 2010.
Le indagini della Guardia di Finanza hanno portato alla luce un progetto illecito, attraverso il quale la famiglia Coiante, consigliati dal commercialista, ha dapprima creato una serie di nuove società, cui sono state attribuite liquidità e merci di magazzino per circa 30 milioni di euro, successivamente trasferite in Portogallo, incorporandole in altre società di diritto lusitano, amministrate da prestanome. Il tutto con lo scopo di creare nuovi soggetti giuridici privi di debiti che, grazie a fittizi contratti di affitto d'azienda con la Mediasonicroma srl, subentravano nella gestione dei negozi Centro Giotto. Come conseguenza di queste operazioni la società capogruppo è stata privata di tutte le merci in magazzino ed è risultata in una situazione di passività. L’esito finale è stato il fallimento dichiarato nel 2010.
Secondo quanto riportato in un comunicato ufficiale, le Fiamme Gialle al momento hanno accertato un deficit patrimoniale di “Circa 70 milioni di euro, di cui oltre 24 milioni nei confronti dell'Erario e circa 2,5 milioni di spettanza dei dipendenti (stipendi ed altri emolumenti)”.
Al momento risultano indagate anche altre due persone.

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.