20 Gennaio 2012  09:20

L’Fbi chiude Megaupload

THAA
L’Fbi chiude Megaupload

Arrestato dalle autorità Usa anche il suo fondatore Kim Schmitz. Secondo il Dipartimento di Giustizia sono stati procurati danni all’industria per oltre 500 milioni di dollari

La notizia è di quelle veramente importanti. Basta infatti nominare Megaupload e Megavideo, in questi anni divenuti i principali protagonisti nel panorama della pirateria via Web, per capirlo. Ebbene, il sistema più utilizzato al mondo per la condivisione illegale di file In Rete (di proprietà della Megaupload-Limited, società registrata ad Hong Kong), è stato oscurato dall'Fbi. Il suo numero uno Kim Schmitz (noto anche come Kim Dotcom), è stato arrestato in Nuova Zelanda (lui ha anche cittadinanza neozelandese) insieme ad altri tre suoi collaboratori. Secondo le cifre emanate dal Dipartimento di Giustizia americano i danni provocati dall’opera illegale che fa capo a Megaupload sono di circa 500 milioni di dollari. Ma, sempre secondo le autorità Usa, Schmitz e soci rischierebbero grosso anche sul fronte penale: si parlerebbe di associazione a delinquere finalizzata all'estorsione, riciclaggio e ovviamente violazione del diritto d'autore. Rischierebbero oltre 50 anni di prigione ciascuno. Sulla home page di Megaupload un comunicato precisava invece che l’attività del portale era nella maggioranza dei casi legale e le accuse di violare le norme a tutela del diritto erano esagerate e ridicole. Ovviamente si è già scatenata la protesta degli hacker: su Twitter è stata annunciata ad esempio l'operazione OpMegaUpload, mentre alcuni user legati al movimento Anonymous hanno reso irraggiungibili i siti del dipartimento di Giustizia statunitense, dell’Mpaa (Motion Picture Association of America) e della Riaa (Recording Industry Association of America).
Questo il link al comunicato ufficiale del Dipartimento di Giustizia Usa (http://www.justice.gov/opa/pr/2012/January/12-crm-074.html).

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Julian Sanchez è un pirata...

Gentile SydneyBlue120d ho letto attentamente l'articolo. Ora posso commentare : faccia come me, investa qualche centinaio di migliaia di euro per aprire un negozio che tratta Film e Musica, tocchi il mercato con mano, poi vada da Julian Sanchez e lo sputi in faccia !!!!

Saluti

Un altro spunto di discussione

Quando avrete concluso gli imbarazzanti cori da stadio, Vi invito a leggere e commentare questo articolo tratto dal Forbes/Ars Technica:
http://www.giornalettismo.com/archives/191945/la-pirateria-danneggia-davvero-leconomia/
Chissà poi che qualcuno, conclusa la sbornia per la gioia della chiusura di Megaupload ecc, non si accorga che c'erano pure utenti *paganti* di questi servizi... Quindi utenti *disposti a pagare* per ottenere tali contenuti...

UN ESEMPIO MONDIALE!

GUARDATE ITALIANI E IMPARATE!

Al Cubo !!!

S T R A G O D O alla terza !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

ANCHE VIGLIACCO !!

COME SCHETTINO ....Quando un'ottantina di poliziotti sono arrivati alla villa, coadiuvati da due elicotteri che sorvolavano la zona, Kim Schmitz il guru del file-sharing ha attivato numerosi meccanismi elettronici riuscendo a barricarsi in una stanza della casa. Gli agenti sono stati costretti a farsi strada con la forza.

ECCO QUELLI CHE CHE TUTELANO IL Copyright !!!!!!!!

15 Mercedes, una ventina di auto di lusso tra Maserati, Lamborghini e Cadillac d’epoca (le cui targhe spesso recitano slogan tipo GOD, HACKER, GUILTY). E poi ancora: tre TV Samsung da 82 pollici, due Sharp da 108 pollici, più un nutrito malloppo sigillato in banca, per un totale di 175 milioni di dollari. Se si va a leggere l’elenco di beni requisiti a Kim Dotcom e agli altri sei soci coinvolti nel blitz Megaupload, sembra più di stare scorrendo l’elenco di proprietà di una star di Hollywood, piuttosto che un informatico incoronato come baluardo della contro lo strapotere dell’industria cinematografica.
Diventa anche più difficile storcere il naso di fronte alla chiusura di Megaupload e dei siti connessi
RUBANO AGLI ALTRI E LORO GODONO !!! INACCETTABILE TUTTI DOVREBBERO RIBBELLARSI NON SCARICANDO.....

Sarò breve:

GODO!

L'offerta legale è l'unica strategia efficace contro la Pirateria.

Invito tutti a leggere questo ottimo articolo di Gabriele Niola su Badtaste:
http://www.badtaste.it/articoli/la-chiusura-di-megaupload-e-le-reazioni-qual-la-giustizia
La Pirateria si sconfigge, o si riduce in misura significativa, agendo sull'offerta legale, tenendo ben presente che è, e sarà, sempre fisicamente totalmente impossibile eliminarla completamente.

E in Italia... ???

E in Italia quando si decidono a fare qualcosa contro la pirateria ???? Siamo il paese degli scariconi e dei furbi... ma come sempre facciamo ridere....

ROTFL

Quando si capirà che queste strategie sono totalmente inutili sarà sempre troppo tardi... I commenti di gioia dei commentatori sono particolarmente indicativi in effetti... BTW, il sito è già tornato ufficialmente pienamente operativo, all'indirizzo http://109.236.83.66/
Quindi pericolo scampato per Major e RIAA, possono continuare a scaricare ;-)
BitTorrent: le tracce dei download arrivano fino a Hollywood:
http://www.downloadblog.it/post/15737/bittorrent-le-tracce-dei-download-arrivano-fino-a-hollywood
Alla RIAA sono tutti pirati:
http://news.wintricks.it/web/dal-web/35331/riaa-sono-tutti-pirati/

AI PIRATI

BOOO SE A CASA DI TUTTI LORO PALADINI DEL BENE COMUNE OGNI SERA ENTRASSE UN LADRO..OPS UN pirata E GLI PORTASSE VIA OGGI IL MOUSE DOMANI LA TASTIERA POI IL TOSTAPANE POI IL TV POI LA RUOTA DI SCORTA EC SINO A LASCIARLI IN MUTANDE


24 Self VIdeo

GRANDEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE..................

WHAAOOOOOOO !!!!!!!!!!!

WHAAOOOOOOOOOOO !!!!!!!!!!

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

  • 15 Aprile 2010
    Moviemax, stop al concordato preventivo
    L’Assemblea dei soci di Moviemax Italia ha deliberato di sospendere le attività finalizzate alla presentazione del concordato preventivo (ex art.

Ricevi la Newsletter!

Homevideo

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy