05 Agosto 2020  10:32

Adv Rai: il Consiglio di Stato dà ragione ad Agcom

Eliana Corti
Adv Rai: il Consiglio di Stato dà ragione ad Agcom

©Rai

Accolto il ricorso dell’Authority: Viale Mazzini dovrà “fermare” gli sconti

Il Consiglio di Stato ha ristabilito l’efficacia della delibera Agcom 61/20/Cons con la quale si chiedeva a Rai di cessare immediatamente pratiche non trasparenti e discriminatorie nella vendita degli spazi pubblicitari. Lo riporta Italia oggi. Il Consiglio di Stato ha dunque accolto il ricorso di Agcom contro la sospensione della delibera ottenuta dalla Rai davanti al Tar del Lazio. Ora, Rai dovrà dare prova all’Authority della cessazione di tali pratiche, proponendo un listino dei prezzi che dia “ragionevole evidenza” delle modalità e della costruzione dei prezzi di vendita degli spazi e degli sconti. Va ricordato che, in occasione della presentazione dei palinsesti Rai 2020/2021 l’ad di Rai Pubblicità Gian Paolo Tagliavia aveva già annunciato modifiche alla proposta commerciale, con una riduzione dei listini, che non va a incidere sul saldo finale. Secondo Tagliavia, infatti, il costo per grp applicato in Rai è a oggi più alto rispetto ai competitor. Rai potrà impugnare la decisione del Consiglio di Stato entro 60 giorni.

Contenuti correlati : rai rai pubblicità agcom dumping
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 13 Aprile 2016
    Agon Channel in vendita a 10 mln?
    La prima tv italiana delocalizzata all’estero (e precisamente in Albania), che aveva iniziato le sue trasmissioni il 26 novembre 2014 e definitivamente...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy