04 Marzo 2016  11:18

Frequenze in banda 700, al Governo serve più tempo

Elena Rembado
Frequenze in banda 700, al Governo serve più tempo

Antonello Giacomelli

Il parere preparato dal sottosegretario Antonello Giacomelli ipotizza due anni in più rispetto a quelli proposti dalla Commissione europea

 

Il MiSe prevede che il passaggio delle frequenze in banda 700 dalla tv digitale terrestre alla banda larga mobile possa avvenire entro il 2022, due anni in più rispetto a quelli ipotizzati dalla Commissione europea . Inoltre, andranno previste «forme di compensazione» compatibili con la normativa sugli aiuti di Stato per sostenere l’adeguamento tecnologico degli operatori e l’acquisto di nuovi decoder o televisori da parte dei cittadini. È questo in sintesi il parere inviato dal sottosegretario Antonello Giacomelli al Parlamento e al Consiglio europei, in merito alla proposta di decisione “sull’uso della banda di frequenze 470-790 MHz nell’Unione”, che ora sarà vagliata anche dalle altre istituzioni Ue. Il parere del Governo italiano, che la prossima settimana sarà presentato alla commissione trasporti e tlc della Camera, allinea il nostro Paese a Regno Unito e Spagna, mentre Francia e Germania sarebbero già pronte a far partire la banda larga mobile sulle nuove frequenze già nel 2020.

 

Contenuti correlati : banda 700 frequenze Giacomelli MiSe mobile banda larga decoder Commissione europea
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy