10 Aprile 2020  09:33

Gfk: più tv e digital per gli italiani in isolamento

Eliana Corti
Gfk: più tv e digital per gli italiani in isolamento

(c) Gfk

I dati del primo mese di lockdown: boom dei canali all news; la pubblicità ridefinisce i contenuti

Tv e digitale sono diventati il punto di riferimento degli italiani nel corso dell’isolamento per la pandemia Covid-19: lo confermano anche le rilevazioni di Gfk nel suo tracking settimanale sugli effetti del Coronavirus sugli stili di vita, le abitudini e le strategie di consumo della popolazione italiana, cui si è aggiunta una analisi (basata sui dati passivi rilevati da GfK Sinottica - sistema informativo integrato basato su un approccio Single Source -, che monitora giorno per giorno i comportamenti reali dei consumatori appartenenti al Panel ) di approfondimento sull’evoluzione della fruizione di contenuti mediali per effetto del lockdown dell’ultimo mese.

Informarsi e intrattenersi. Nel periodo tra il 21 febbraio e il 22 marzo il tempo speso davanti alla tv è aumentato del +17% nel giorno medio, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: boom per i canali all news sin dai primi giorni della rilevazione, per un +177%, con picchi di fruizione fino a 4 volte superiori rispetto alla media), soprattutto in concomitanza delle comunicazioni istituzionali sul tema Covid-19. Ma a crescere non è solo la ricerca dell’informazione, ma anche quella dell’intrattenimento, una via di fuga rispetto alla narrazione dell’emergenza: nel periodo in esame il tempo dedicato ai canali tematici Lifestyle è cresciuto del +10% e quello dedicato ai canali Film/Fiction del +9%, per una crescita significativa dopo i decreti sul lockdown del 9 e 11 marzo, “quando gli italiani hanno iniziato a riorganizzare la propria routine quotidiana, anche in ottica intrattenimento”. Cresce anche il tempo dedicato agli strumenti digitali: +17%, per un incremento del 45% del tempo speso sui siti di informazione quotidiana. A crescere anche le forme di intrattenimento online, come lo streaming video e musicale (+13%) e il gaming online (+9%). In crescita anche il tempo passato sui siti della grande distribuzione (+124%) e sui social network (+31%).

Pubblicità. Nelle prime settimane di lockdown i top spender tv sono rimasti attivi, “con un incremento medio in termini di pressione” e secondo l’osservatorio sulla comunicazione attivato da Gfk, diversi brand hanno già adeguato i propri messaggi alla situazione contingente. La società di ricerca ha mappato cinque nuovi filoni di comunicazione individuati sulla base dei messaggi chiave: tra i più importanti, quelli legati alle donazioni e all’informazione/didattica sull’emergenza.

Contenuti correlati : gfk ricerche coronavirus
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 12 Luglio 2011
    100autori: preoccupazione per RaiFiction
    Nel prossimo cda Rai, previsto per giovedì 14 luglio, il direttore generale Lorenza Lei dovrebbe presentare un nuovo progetto sul futuro di RaiFiction,...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy