21 Giugno 2017  09:55

Le ragioni del ricorso di Vivendi

Eliana Corti
Le ragioni del ricorso di Vivendi

Vincent Bolloré, Chairman di Vivendi

Secondo i francesi la delibera Agcom è illegittima e viola i diritti di difesa del gruppo, ostacolato anche perché non italiano

Una delibera illegittima e viziata nella forma e nella sostanza: così Vivendi giudica il testo con il quale Agcom ha imposto al gruppo di ridurre la sua partecipazione in Tim e Mediaset. Secondo i francesi, Agcom non ha predisposto alcuna consultazione pubblica prima di decidere, impedendo a Vivendi di obiettare sulla procedura e sulla definizione del perimetro delle comunicazioni elettroniche, oggetto dell’indagine. Vivendi accusa Agcom anche di aver delimitato in maniera arbitraria i confini del perimetro, includendo solo una parte di reti, beni e servizi e aumentando così la probabilità di superamento delle soglie. Il gruppo contesta anche la correttezza dell’analisi di mercato, basata su dati disponibili internamente e risalenti al 2015 invece di raccoglierli tra tutti gli operatori del settore. Si contesta anche il fatto che a Vivendi sarebbe stata imputata – all’interno del Sic – una quota di fatturato conseguita tramite Tim, cosa che non succede per Mediaset che non è attiva nel Sic, bensì le sue controllate, non sono collegate a Vivendi. Infine, l’accusa più pesante e cioè aver voluto impedire l’acquisto di una partecipazione di minoranza in una società italiana da parte di una straniera.

Contenuti correlati : vivendi mediaset agcom
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy