04 Novembre 2016  10:00

Legge cinema e audiovisivo: cosa cambia per la tv

TV Eliana Corti
Legge cinema e audiovisivo: cosa cambia per la tv

L’audiovisivo entra nel Fondo di garanzia per le pmi; previste procedure più stringenti per la programmazione del cinema in tv e per gli investimenti dei broadcaster

Con 281 voti a favore, 97 contrari e 17 astenuti alla Camera dei Deputati, è stata approvata in via definitiva la nuova Disciplina del cinema e dell'audiovisivo, che entrerà in vigore, con i decreti attuativi, dal gennaio 2017. In particolare, la legge amplia il raggio d’azione dal cinema a tutto l’audiovisivo, rendendo disponibili risorse certe per 400mln di euro all’anno, oltre il 60% in più rispetto ai fondi attuali.

Tra le novità, viene creato il Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e l’audiovisivo, per sostenere gli interventi per il cinema e l'audiovisivi attraverso incentivi fiscali e contributi automatici, unificando le attuali risorse del Fus Cinema e del Tax Credit. Il fondo è alimentato dagli introiti erariali già derivanti dalle attività di programmazione e trasmissione televisiva; distribuzione cinematografica; proiezione cinematografica; erogazione di servizi di accesso ad internet da parte delle imprese telefoniche e di telecomunicazione.

È previsto inoltre un Piano nazionale per la digitalizzazione del patrimonio cinematografico e audiovisivo e la destinazione del 3% del fondo ad azioni di potenziamento delle competenze cinematografiche ed audiovisive degli studenti (le linee di intervento verranno concordate dal MiBact e dal Ministero dell’istruzione e della ricerca scientifica). Vengono rafforzati i sei tax credit oggi disponibili, mentre l’audiovisivo entra nel Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Per il settore è destinata una dotazione iniziale di 5mln di euro

. Nasce infine il Consiglio superiore per il cinema e l’audiovisivo, in sostituzione della Sezione cinema della consulta dello spettacolo. Il Consiglio, che svolge attività di elaborazione delle politiche di settore, «con particolare riferimento alla definizione degli indirizzi e dei criteri generali di investimento a sostegno delle attività cinematografiche e audiovisive», è composto da 11 membri di competenza nel settore e dai rappresentanti delle principali associazione.

Infine, il Governo è stato delegato ad adottare uno o più decreti legislativi per introdurre procedure più trasparenti ed efficaci in materia di obblighi di investimento e programmazione di opere audiovisive europee e nazionale da parte dei fornitori dei servizi media audiovisivi.

Contenuti correlati : Legge cinema cinema in tv audiovisivo tv programmazione investimenti broadcaster fondo studenti servizi media audiovisivi
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 02 Marzo 2007
    Google: spot tv online
    Videoclip per le pubblicità online. Questa è l’idea di Google per attirare nuovi partner commerciali sul motore di ricerca, in particolare le...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy