07 Gennaio 2019  12:29

Manovra di bilancio: stop agli incroci tra tv ed editoria

Eliana Corti
Manovra di bilancio: stop agli incroci tra tv ed editoria

©Pixabay

Confermato il canone Rai a 90 euro. 151mln di contributi per chi cambia decoder

Con la Manovra economica di bilancio approvata a fine 2018, diventa definitivo il divieto di incroci proprietari tra televisione e comunicazione ed editoria. Le imprese che esercitano attività tv con ricavi superiori all’8% del Sistema Integrato delle Comunicazioni e le imprese delle comunicazioni elettroniche che detengono una quota superiore al 40% dei ricavi di settore non potranno acquisire partecipazioni in imprese editrici di quotidiani o partecipare alla costituzione di nuove imprese editrici di quotidiani (con l’esclusione dei quotidiani diffusi unicamente in via elettronica). Confermato l’importo del canone Rai a 90 euro per uso privato, mentre la metà dell’extra-gettito viene destinato anche all’ampliamento sino a 8mila euro della soglia di esenzione per gli over75. Viene inoltre incrementato a 151mln di euro il contributo per chi acquisterà tv e decoder nuovi per adeguarsi ai nuovi standard DVB-T2 in vista dello switch off del digitale terrestre. Il contributo vale fino al 2022.

Contenuti correlati : bilancio 2018 incroci dvb-t2
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy