11 Aprile 2016  11:13

Mediaset-Vivendi, accordo raggiunto

Elena Rembado
Mediaset-Vivendi, accordo raggiunto

Vincent Bollorè e Pier Silvio Berlusconi

Confermati lo scambio azionario del 3,5% e il passaggio al colosso francese della pay tv di Cologno. Almeno per ora, Pier Silvio Berlusconi non entra nel board d’Oltralpe

Come annunciato dalle indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, Mediaset e Vivendi hanno sottoscritto venerdì un’intesa che formalizza un’alleanza strategica tra i due gruppi europei. In primo luogo la partnership determina uno scambio azionario paritetico del 3,5% e il passaggio al colosso francese della pay tv Mediaset Premium. A valle dell’alleanza azionaria, il patto europeo prevede iniziative su produzione e distribuzione di contenuti, ma anche la creazione della prima piattaforma pan-europea di streaming di contenuti on demand. In particolare, Mediaset e Vivendi svilupperanno un progetto che si occuperà di produzioni di livello internazionale: i contenuti saranno ideati e realizzati da una nuova struttura, secondo standard e linguaggi adatti al mercato globale, e distribuiti sulle reti tv dei due gruppi in Italia, Francia e Spagna. Inoltre, le property online sono destinate a confluire in un unico progetto, in grado di garantire un’offerta di film e serie (anche originali) sempre più ampia e pregiata. Sul fronte della pay tv, infine, Vivendi con Mediaset Premium amplierà in modo significativo la sua presenza in Europa, portando la sua base abbonati totale a oltre 13mln. Mediaset, dal canto suo, proseguirà la sua attività di editore di canali e contenuti on demand per Premium su tutte le piattaforme. Secondo quanto ha affermato Pier Silvio Berlusconi, al termine del cda che ha approvato l’operazione, «ad oggi non è previsto» un suo ingresso nel board di Vivendi , ma non si esclude per il futuro. L’accordo, che dovrebbe essere finalizzato entro il 30 settembre, prevede dei paletti per i francesi, e in particolare un accordo di lock up di tre anni: nel primo anno Vivendi non potrà effettuare alcun acquisto di azioni Mediaset, mentre nel secondo e terzo anno non potrà possedere una partecipazione complessiva superiore al 5%. Secondo i sindacati, «la cessione di Mediaset Premium per arrotondare lo scambio di quote azionarie tra Mediaset e Vivendi denota la consueta supremazia degli aspetti finanziari su quelli industriali», si legge in una nota della segreteria nazionale Slc Cgil: «Siamo di fronte a un’operazione finanziaria da 880mln di euro, per ora, ma non sappiamo a quale progetto industriale e produttivo sia finalizzata e quali conseguenze potrà avere sull’occupazione e sul Paese».

Contenuti correlati : scambio azionario accordo Mediaset Vivendi Berlusconi Bollorè pay tv Premium
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 04 Agosto 2008
    Rai: Saccà rimosso da RaiFiction
    Con quattro voti a favore e uno contrario (quello di Marco Staderini), il consiglio di amministrazione Rai ha votato per la rimozione di Agostino Saccà...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy