10 Novembre 2020  09:36

Pubblicità: settembre è negativo

Eliana Corti
Pubblicità: settembre è negativo

©pixabay

Il mese chiude il mese con una flessione del 3,4% e del 20,3% sul cumulato

Il mercato della pubblicità italiana chiude settembre con una flessione del 3,4%; mentre il cumulato gennaio-settembre cala del 15,9% che diventa -20,3% se si esclude dall raccolta web la stima di Nielsen su search, social, classified e Ott). In totale, il valore del mercato passa dai 4mld del gennaio-settembre 2019 a 3,2mld di euro. “Dopo un secondo trimestre in calo del 34,3% a causa del lockdown, come avevamo previsto, il terzo trimestre è tornato in terreno positivo, crescendo del +2,3% nonostante la frenata di settembre”, ha dichiarato Alberto Dal Sasso, AIS managing director di Nielsen. L’andamento è negativo per tutti i mezzi, anche se la televisione riesce a mantenere un andamento flat (-0,3%) sul singolo mese di settembre: il cumulato, però, segna un -15,3% rispetto allo stesso periodo 2019 (da 2,4mld a 2,1mld). I quotidiani segnano un -19,7%, i periodici un -40,3%, la radio un -30,1%, il digital un -7,1%, l’outdoor un -47,8%, il transit un -55,1% e il direct mail un -33,4%. Non sono ancora disponibili i dati di Go Tv e cinema. Solo il web advertising ha chiuso il singolo mese di settembre in crescita (7,8% nella stima realizzata da Nielsen). “Il ritorno in negativo del mese di settembre è un segnale da tenere in seria considerazione dopo i due mesi di euforia. A differenza del periodo marzo – aprile in cui regnavano una comprensibile incertezza e impreparazione, oggi si può fare tesoro dell’esperienza fatta in quei mesi e affrontare il futuro con più ottimismo, in un’ottica costruttiva che deve valere anche per il mondo della comunicazione”, commenta Dal Sasso. Sono 10 infine i settori merceologici in crescita nel singolo mese; tra le migliori performance si evidenziano enti/istituzioni (+50,9%), abitazione (+22,6%), elettrodomestici (+13,7) e gestione casa (+13,3). Nel periodo gennaio – settembre sono solo tre i settori in crescita: gestione casa (+5,4%), distribuzione (+2,5%) e enti / istituzioni (+16,7%). Nielsen evidenzia inoltre l’andamento negativo dei comparti con una maggiore quota di mercato: automobili (-26,3%), farmaceutici (18,2%), gli alimentari (-14,8%), media / editoria (-12,8%) e bevande / alcoolici (-19,8%).

 

Contenuti correlati : nielsen pubblicità
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 15 Aprile 2016
    Auditel accelera sulla global audience
    Operatori e investitori pubblicitari non possono ormai più prescindere dalla global audience, ovvero dagli spettatori della tv online, anche non lineare.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy