05 Luglio 2018  14:10

ReteCapri contro il piano frequenze

Eliana Corti
ReteCapri contro il piano frequenze

L’emittente ricorre al Tar e chiede un risarcimento di 31mln di euro

ReteCapri ha presentato ricorso al Tar del Lazio contro la delibera Agcom in merito al nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze, che impone un riordino dello spettro (quindi cessione delle frequenze) a favore delle tlc per il lancio del 5G. «Ad avere la peggio sono stati i soggetti concessionari di un solo multiplex, come ReteCapri con l’Operatore di rete Premiata Ditta Borghini & Stocchetti di Torino», si legge nella nota dell’emittente che, come Cairo e Mediaset, ha deciso di ricorrere al Tribunale per chiedere il rilascio di una nuova concessione di capacità trasmissiva per lo meno uguale a quella precedentemente assegnata come Operatore di Rete in ambito nazionale. La rete ha chiesto inoltre un risarcimento di 31mln di euro (pari al « corrispettivo richiesto in precedenza per l’assegnazione della licenza di Operatore di Rete in ambito nazionale su frequenza UHF») per l’abbandono del canale attualmente in uso, il 57 Uhf e la riduzione della capacità trasmissiva. ReteCapri lamenta di essere già stata penalizzata nella precedente assegnazione, quando le fu concessa una frequenza di qualità inferiore rispetto a quelle ottenute da Rai, Mediaset e Persidera e compromessa a causa delle interferenze provenienti da altri Paesi, nonché per la mancata assegnazione di un secondo Mux.

Contenuti correlati : retecapri tar frequenze
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 15 Aprile 2010
    I risultati Auditel di marzo
    Secondo le rilevazioni Auditel relative al mese di marzo, gli ascolti digitali hanno superato quelli della tv analogica (ferma al 48%).

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy