14 Febbraio 2011  14:23

Padova, maxi sequestro di rubinetti Made in China

ABAS
Padova, maxi sequestro di rubinetti Made in China

La Gdf ha bloccato una partita di 38 mila articoli stoccati in due capannoni di proprietà di un imprenditore cinese

L’11 febbraio la Guardia di finanza di Padova ha sequestrato 38 mila pezzi contraffatti tra rubinetti, soffioni doccia e raccorderia varia, stoccati in due magazzini del padovano.
Le indagini hanno rivelato che il materiale in questione non era solo contraffatto, ma che conteneva anche valori di piombo e cromo ben oltre le soglie tollerate per legge, tanto da farli risultare gravemente tossici.
È stato denunciato all'autorità giudiziaria un imprenditore di nazionalità cinese, titolare dei depositi, in quanto responsabile dei reati di contraffazione e adulterazione di acque o sostanze alimentari (quelle erogate dai rubinetti incriminati) e delitti contro la salute pubblica, con una pena che oscilla tra i 3 e i 10 anni di reclusione.
L'uomo è risultato essere anche un evasore totale poiché, all'esito delle ispezioni condotte, non è stato nemmeno in condizione di esibire alcuna documentazione fiscale. Nelle prossime settimane proseguiranno le indagini per ricostruire l'intera filiera di vendita e individuare l'azienda cinese che ha fabbricato i manufatti.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Giugno 2020
    Una nuova linfa
    “È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato”.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bagno

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy