01 Dicembre 2008  00:00

Governo: torna la “porno-tax”

THef

L’imposta è stata inserito tra i provvedimenti anti-crisi approvato lo scorso venerdì

Nel provvedimento anti-crisi varato dal Governo lo scorso venerdì 28 novembre c’è anche la “porno-tax”, presentata per la prima volta nel 2002, più volte bocciata e mai applicata. Il provvedimento sarà indirizzato a tutti contenuti mediatici (anche non espressamente pornografici), compresa la televisione e l’editoria, che contengano scene di sesso esplicito “non simulato”. Nello specifico saranno colpite le aziende che producono e commercializzano materiale hard, le quali saranno tenute a pagare un’addizionale del 25% sui redditi Irpef. La norma entrerebbe in vigore già a decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore del decreto, cioè con la dichiarazione dei redditi del 2008. I prodotti direttamente interessati saranno "giornali quotidiani o periodici, con i relativi supporti integrativi, e ogni opera letteraria, cinematografica, audiovisiva o multimediale, anche realizzata o riprodotta su supporto informatico o telematico in cui siano presenti immagini o scene contenenti atti sessuali espliciti e non simulati tra adulti consenzienti". A determinare con esattezza quali contenuti saranno oggetto dell’imposta sarà un decreto del presidente del Consiglio su proposta del ministro dei Beni Culturali, da varare entro 60 giorni dall'entrata in vigore del presente provvedimento.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 14 Dicembre 2020
    E ora?
    Cosa fare ora che il Natale è perso, che i cinema (se non ci comporteremo bene durante le festività) riapriranno verso...
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 23 Gennaio 2018
    Oscar, tutte le nomination
    È stato il romantico fantasy di Guillermo Del Toro, La forma dell’acqua, ad aggiudicarsi il maggior numero di candidature agli Oscar 2018 con 13

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy