12 Luglio 2011  17:34

Protti, il futuro del cinema è nel digitale

BOeg
Protti, il futuro del cinema è nel digitale

Ne ha parlato oggi il presidente dell’Anec durante la presentazione della ricerca, promossa da Banca Intesa San Paolo sull’industria dell’entertainment

Il futuro del cinema? Stagionalità e digitalizzazione. Paolo Protti, presidente Anec, è intervenuto oggi durante la presentazione della ricerca elaborata dal Centro di Studi e Ricerche del Mezzogiorno in collaborazione con Banca Intesa San Paolo, di cui si è discusso nel convegno “Il ruolo dell’industria dell’entertainment nello sviluppo economico del Lazio”. «Se studiamo i dati del 2010 vediamo che su 248 milioni di ingressi registrati dall’industria dell’entertainment, il 50% è stato realizzato dal cinema. Negli anni, però, nonostante ci sia stato un incremento degli schermi grazie alla diffusione dei multiplex, proporzionalmente non è cresciuto il numero degli ingressi come ci si aspettava. Perché questo accada dobbiamo puntare ad ampliare la stagionalità del cinema anche nel periodo dell’estate e puntare sulla digitalizzazione delle sale». La ricerca, che ha rielaborato i dati relativi al 2009, ha evidenziato il ruolo di primo piano della Regione Lazio nell’entertainment con il 60% delle imprese residenti nel Lazio rispetto a tutto il territorio dell’Italia. Tra i dati rilevanti della ricerca, si è evidenziato come nel 2009 il cinema ha generato 4,8 miliardi di euro di ricchezza di cui il 60%, 2,8 miliardi, nel Lazio.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 20 Luglio 2020
    Il coraggio di crederci
    Nonostante il rinvio americano di Tenet a causa del prolungarsi dell’emergenza sanitaria, Warner Bros.
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy