05 Luglio 2017  16:03

Digital detox impossibile per un terzo degli italiani

Aldo Cattaneo
Digital detox impossibile per un terzo degli italiani

Il 30% dei nostri connazionali ammette di non poter fare a meno dalla tecnologia. La fascia d’età più dipendente è quella dei trentenni, mentre a livello internazionale sono gli adolescenti

La cyber-dipendenza è ormai un problema riconosciuto anche dalla medicina e i giornali segnalano ogni giorno iniziative per aiutare le persone a intraprendere una “digital detox”. GfK con uno studio internazionale che ha coinvolto oltre 22.000 persone in 17 paesi ha cercato di capire quante persone sono consapevoli di avere un problema di dipendenza dalla tecnologia. Così oltre un terzo degli intervistati (34%) ha ammesso di avere delle difficoltà a prendersi una pausa dalla tecnologia (da Smartphone, Computer, TV, ecc.), anche quando sa che dovrebbe farlo. Le risposte degli italiani sono abbastanza allineate con quelle del resto del mondo, con alcune peculiarità. Nel nostro paese, la percentuale di chi ammette di avere problemi di dipendenza da tecnologia è del 29%, mentre il 20% dichiara di non avere nessun problema. Nel nostro paese la fascia d’età maggiormente dipendente dalla tecnologia è quella dei trentenni (37%) e non i teenager (35%), come succede nel resto del mondo. Al terzo posto ci sono i quarantenni con il 34% mentre la fascia 20-29 anni è solo al quarto posto con il 32%. Nel nostro paese le persone che fanno più fatica a mettere in pratica la “digital detox” sono quelle a reddito medio-alto (32%) e basso (31%) mentre la fascia ad alto reddito è quella che ha meno problemi in assoluto (27%). L’esatto contrario di quello che succede nel resto del mondo.

Contenuti correlati : digital detox gfk mobile
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI