16 Marzo 2016  09:36

Il 60% degli italiani si può definire digitale

Elena Reguzzoni
Il 60% degli italiani si può definire digitale

Secondo la ricerca di PwC anche gli shopper del nostro Paese si sono già aggiornati. Il negozio viene però tuttora utilizzato in maniera preferenziale rispetto agli altri Paesi

Il consumatore italiano si è già ‘aggiornato’ ovvero i comportamenti digitali sono ormai definibili di massa anche nel nostro Paese. È quanto emerge dalla PwC Total Retail Survey 2015 che ha analizzato anche lo scorso anno i comportamenti di shopping, intervistando (on-line) 19 mila consumatori in 19 paesi, tra cui oltre 1000 italiani. Erika Andreetta, partner della nota società di consulenza, conferma che per quando siamo abituati a sentir parlare dell’Italia come il fanalino di coda dell’Europa (e non solo) in tema di digitale: “Il 60% degli italiani si può definire digitale. Quindi possiamo affermare che abbiamo di fronte un consumatore diverso, per l’appunto pronto al digitale.
 Ad esempio, il 50% dei consumatori usa lo smartphone per fare comparazioni di prezzo o ricercare il prodotto, nonostante ci siano ancora forti barriere infrastrutturale nel nostro Paese come il limitato accesso a mobile broadband o disponibilità di connessioni Wi-Fi negli store. Il costante rilascio di innovazioni tecnologiche ci induce a pensare che si tratti di una barriera temporanea destinata a scomparire”. Ma cosa differenzia comunque il consumatore italiano da quello degli altri 18 paesi toccati dalla vostra ricerca? “Prima di tutto, lo shopper italiano utilizza il negozio in maniera preferenziale rispetto ad altri Paesi, oggi però anche come vetrina per poi comprare online, il più delle volte visitando siti internazionali perché in generale l’italiano è alla ricerca di prezzi più convenienti: infatti il 67% degli italiani intervistati è spinto allo shopping on line dalla potenziale convenienza di prezzo, rispetto al 56% a livello globale. Inoltre l’Italia è il Paese che dimostra un impatto più elevato dei social media nelle decisioni di acquisto, con il 63% dei consumatori che dichiara che i social media hanno, in una certa misura, influenzato il loro processo d’acquisto” aggiunge Erika Andreetta.

Contenuti correlati : PwC Total Retail Survey Italia digitale negozio shopping social media consumatori

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 12 Novembre 2002
    Epson: videoproiettori in bundle con Xbox
    Epson ha realizzato una promozione in collaborazione con Microsoft grazie alla quale, fino al 31 dicembre, chi acquista un videoproiettore Epson modello...