25 Ottobre 2016  09:47

Il ritiro dei Note 7 in Italia è stato tempestivo e veloce

Elena Reguzzoni
Il ritiro dei Note 7 in Italia è stato tempestivo e veloce

Carlo Barlocco parla dell’impatto del phablet ‘malfunzionante’ nel nostro mercato e sottolinea: “Il brand Samsung rimane forte e stiamo già lavorando al futuro”

La prima cosa che Carlo Barlocco, co-president di Samsung Electronics, ha tenuto a precisare al TG 5 è che l’impatto in Italia del ritiro del Galaxy Note 7 è decisamente più circoscritta rispetto ad altri Paesi: “Parliamo di poche unità, precisamente 1.950, prodotti che i clienti hanno acquistato in pre-ordine.

Il Galaxy Note 7 non è mai stato messo in commercio nel nostro Paese e non si sono registrati casi di malfunzionamento, di conseguenza il ritiro del dispositivo e la gestione della situazione è stata molto veloce”. Il manager ha poi aggiunto: "Il brand rimane forte, lo dimostrano la fedeltà e il rapporto di fiducia dei consumatori italiani e i risultati commerciali di queste ultime settimane, estremamente positivi per quanto riguarda in particolare il nostro smartphone di punta il Galaxy S7”.

Barlocco sembra rispondere infine a vari esperti che hanno parlato di un possibile impatto negativo dell’affair Note 7 sulle prossime mosse tecnologiche e sui prossimi lanci in casa Samsung: “La nostra missione non cambia e stiamo già lavorando al futuro, introducendo prodotti innovativi che anticipano le nuove tendenze, come abbiamo già fatto con la realtà virtuale o i dispositivi indossabili".

Contenuti correlati : dispositivi indossabili risultati commerciali Carlo Barlocco Samsung Electronics Galaxy Note 7 realtà virtuale

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI