09 Luglio 2015  09:27

Microsoft annuncia altri 7.800 esuberi

Aldo Cattaneo
Microsoft annuncia altri 7.800 esuberi

I tagli toccheranno soprattutto il settore della telefonia mobile

Microsoft Corp. ha annunciato ieri i piani di ristrutturazione del business dei device di telefonia mobile per concentrarsi meglio sulle attività redditizie e allineare le risorse. Microsoft ha inoltre annunciato la riduzione di personale fino a 7.800 unità, soprattutto nel settore della telefonia. Di conseguenza, la società registrerà una svalutazione di circa 7,6 miliardi dollari legati ad attività connesse con l'acquisizione di Nokia device & Services, oltre a costi di ristrutturazione per una cifra che va dai 750 agli 850 milioni di dollari. La società punta ad allineare meglio le attività con le priorità del gruppo, considerando i recenti cambi di leadership, i recenti piani per trasferire alcuni asset a Uber e la progressiva migrazione verso le attività di display advertising. I piani dell’azienda sono stati delineati in una e-mail che il CEO di Microsoft, Satya Nadella, ha inviato ai dipendenti Microsoft, che dice: "Stiamo passando da una strategia per una crescita automa del business della telefonia mobile a una strategia per crescere e creare un vivace ecosistema Windows di cui la nostra famiglia di dispositivi ne è la prima parte. Nel breve termine, avremo un portafoglio sulla telefonia più efficace e mirato, ma manterremo capacità necessarie per reinventare la mobilità nel lungo periodo”

 

Contenuti correlati : Nokia device & Services Microsoft ristrutturazione device telefonia mobile esuberi licenziamenti Satya Nadella

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 13 Novembre 2017
    Single day da record in Cina
    Il Sigle day è la giornata dedicata in Cina dagli anni 90 ai cuori solitari; una ricorrenza che si celebra nella RPC l'11 novembre, ma che soprattutto è...