24 Marzo 2016  09:50

Bilanci e strategie 2016: Candy Hoover Group

Anna Montalbetti
Bilanci e strategie 2016: Candy Hoover Group

Stefano Stazio

I risultati positivi danno nuovo slancio all’azienda, che ha rivisto la propria organizzazione per il settore built in

I primi segnali positivi si sono intravisti nel secondo semestre del 2015, secondo Stefano Stazio, direttore commerciale incasso Italia di Candy Hoover Group (nella foto), “e non c’è ragione che questo trend si inverta quest’anno”. È positivo dunque l’approccio del Gruppo di Brugherio, a partire dai risultati raggiunti nel 2015: una crescita del 15%, che ha interessato tutti e tre i pilastri del business dell’azienda: built in, lavaggio e piccoli elettrodomestici. “Specialmente nell’incasso abbiamo rivisto l’organizzazione per rispondere meglio a tutti i nostri interlocutori: cucinieri e distributori, Grande distribuzione del mobile, e sostituzione tramite il canale Eldom, gestendo direttamente i contatti per monitorare l’equilibrio dell’offerta e dei prezzi” afferma Stazio. Nel canale mobilieri “sono state state riviste le coperture del territorio da parte dei distributori e abbiamo avviato anche nuove collaborazioni; nel contempo abbiamo saputo guadagnare la fiducia dei principali cucinieri”. Il 2016 non è certamente a tinte fosche: “la vendita di cucine sta riprendendo, le quote tra rivenditori indipendenti e Gd si stanno stabilizzando: i mobilieri hanno ancora una fetta preponderante del mercato e tra essi operano dei veri imprenditori che hanno saputo affrontare seriamente la crisi sviluppando addirittura il loro business tramite servizi, professionalità e un’offerta di prodotti qualificata grazie anche al nostro supporto in formazione e in attività di eventi. Il vantaggio di una “‘taglia’ tutto sommato piccola rispetto alle altre multinazionali di elettrodomestici ci permette di essere veloci nel rispondere al mercato, grazie a una catena decisionale corta, e di portare velocemente le innovazioni nei negozi, così come è accaduto con la gamma di elettrodomestici connessi Simply-Fi. E non dobbiamo dimenticare che nel nostro Gruppo capitali e cervelli sono totalmente italiani”.

Questo sarà l’anno del rilancio di Hoover: “se Candy deve rimanere un marchio accessibile, Hoover si posizionerà nella fascia medio-alta del mercato con una gamma di prodotti, divisi in collezioni, completamente rivista. L’incasso sarà esclusivamente dedicato al canale mobilieri e siamo certi che tale focalizzazione verrà apprezzata”. Il lancio ufficiale avverrà a FtK, “dove avremo uno spazio decisamente più importante rispetto al 2014. Abbiamo forti aspettative da questo evento” conclude Stazio.

Per leggere tutto lo speciale “Aspettando i Saloni”, dove i produttori di cucine ed elettrodomestici fanno un bilancio dell’anno concluso e spiegano le strategie 2016, scarica “Progetto Cucina” di marzo gratuitamente tramite App Store, Windows Store e Google.

Schermata-2016-03-24-a-09.22.35
Contenuti correlati : Candy Hoover Group built in elettrodomestici lavaggio piccoli elettrodomestici cucinieri distributori mobilieri formazione Candy Hoover FtK
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 20 Luglio 2020
    Da insegna a brand
    Se da un lato l’industria non smette di investire per costruire un’identità di marca importante - e le numerose...
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy