10 Giugno 2019  11:34

Casa, quasi la metà degli italiani non è soddisfatta di dove vive

Roberta Broch
Casa, quasi la metà degli italiani non è soddisfatta di dove vive

Photo: Doxa

Pubblicato l’Osservatorio sul tema di Doxa. Secondo i dati, i millennials sono la fascia di popolazione maggiormente delusa dalla propria abitazione

È stato pubblicato CasaDoxa, l’Osservatorio nazionale sugli italiani e la casa realizzato grazie alla partecipazione di 7 mila famiglie in tutta Italia. Per il 90% degli intervistati la casa è in cima alla lista delle priorità. Ma il 48% si dichiara poco o parzialmente soddisfatto dell’abitazione in cui vive. L’Osservatorio si è focalizzato sui nuclei familiari che si sono dichiarati poco o parzialmente soddisfatti dell’abitazione in cui vivono, pari al 48% del totale degli intervistati, per approfondire trend e motivazioni alla base di questo sentiment. Ne è emerso come il 64% dei locatari sia insoddisfatto dell’abitazione e come, seppur in misura minore, lo sia anche il 44% dei proprietari di casa. Chi soffre di più il vivere in case “distanti” dai propri ideali abitativi sono proprio i millennials (52% degli intervistati) e le famiglie con reddito netto mensile inferiore ai 2.000 euro (53%). Ancor di più chi vive in appartamenti (53%), rispetto a chi abita in villette o case indipendenti (43%). La prima causa di insoddisfazione è rappresentata dalle caratteristiche strutturali degli edifici; segue la volontà di vedere riflessi i propri principi circa la sostenibilità anche nelle proprie scelte abitative con case efficienti e smart. Circa il 25% degli insoddisfatti vorrebbe cambiare casa entro due anni, una volontà che nasce dalle caratteristiche deficitarie dell’abitazione in cui si vive. Il 52% di chi vorrebbe traslocare dichiara che resterebbe con piacere nello stesso quartiere o comunque in zone limitrofe. Tuttavia, cambiare è tutt’altro che facile: molti sono gli “scoraggiati”. Circa il 30% di chi vuole trasferirsi abbandona la ricerca dopo i primi mesi di tentativi, per tornare sui propri passi e procrastinare la realizzazione del loro desiderio di cambiamento. Con il nuovo modo di vivere la casa, evolve anche il concetto di spazi confortevoli che, secondo gli intervistati, devono avere sei prerogative: luminosità degli ambienti, comfort termico/acustico, sicurezza, efficienza energetica, tecnologia semplificante, adattabilità. La cucina è grande protagonista: dove calore ed energia sono elementi essenziali. È lo spazio dove accogliere la famiglia, e al tempo stesso uno spazio funzionale da attrezzare con elettrodomestici efficienti e di ultima generazione. Per quanto riguarda i bagni, secondo gli intervistati devono essere evocativi e rilassanti e coniugare funzionalità e servizio.

Contenuti correlati : CasaDoxa Doxa
Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 28 Aprile 2020
    Il design che non si arrende
    Mentre chiudiamo questo numero, il decreto in vigore impone il lockdown fino al prossimo 3 maggio.
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

  • 31 Maggio 2010
    Incentivi: i dati della 5° settimana
    Il Ministero dello Sviluppo Economico ha comunicato a e-duesse i dati relativi alla quinta settimana di incentivi e cioè quella compresa tra il 13 e il 20 maggio.

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy