15 Dicembre 2015  10:17

Destagionalizzare il Giocattolo è possibile?

Silvia Balduzzi
Destagionalizzare il Giocattolo è possibile?

Dino Canuti

La parola a Dino Canuti, Country Manager di Spin Master Italy

Quanto conta oggi per la vostra azienda la destagionalizzazione?

 

«Spin Master, in Italia, nel 2015 ha fatturato circa il 35% del suo volume di affari nel primo semestre. Direi che è un ottimo dato per un’azienda del nostro settore, specialmente considerando che non siamo coinvolti nel business dei contenitori per la Befana e la Pasqua che, al momento, ancora non ci interessa».

 

Cosa avete fatto in passato per incrementare la destagionalizzazione del Giocattolo?

 

«Chi vive in questo settore sa che a guidare la domanda sono soprattutto i prodotti. Avere una buona gamma con il giusto punto prezzo nella prima parte dell’anno è un pilastro se si vuole anticipare la stagionalità. Oltre a questo, è importante lavorare sulla cultura del giocattolo: per questo Spin Master si sta facendo portatrice della campagna di Assogiocattoli “Gioco: Cibo per la mente” in modo totalmente gratuito. Per noi sostenere l’industria è fondamentale. Ogni giocattolo in più che si vende, per noi rappresenta un successo, anche se non è di Spin Master».

 

Cosa può davvero aiutare a destagionalizzare il mercato del Giocattolo?

 

«Disinnescare la convinzione nel consumatore che il giocattolo sia un “Asciuga Lacrima”. Il giocattolo è uno strumento ludico in grado di far crescere le capacità future del bambino. Il gioco stimola le capacità motorie, intellettive, culturali e di interrelazione di un bambino. Ed il bambino ha bisogno di tutto questo non solo a Natale, ma per tutti i 12 mesi».

 

E’ importante investire in comunicazione televisiva anche nel primo semestre?

 

«E’ importante investire in comunicazione sempre, ma è sempre meno importante farlo in televisione. I nostri clienti finali sono sempre meno attenti ai media del vecchio secolo, e la loro attenzione è sempre più volatile e spalmata su numerosi stimoli diversi. Se in passato i responsabili del marketing delle aziende hanno avuto “vita facile” nel modo in cui dividevano i loro budget, oggi la qualità del messaggio è più importante del’investimento che viene utilizzato per veicolarlo, e la focalizzazione su tutti i media, incluso l’In Store, è determinante».

 

Può servire creare linee apposite per l’out of season per destagionalizzare il Giocattolo?

 

«Fondamentalmente esistono già: ogni azienda ha una gamma diversa tra Primavera e Natale. L’importante è la qualità del rapporto prezzo/emozione che si è in grado di generare».

 

Quali consigli volete dare al Normal Trade per creare traffico in negozio anche nell’out of season?

 

«Sempre il solito: rendere la propria azienda rilevante sul territorio. Se un imprenditore è bravo a rendere la propria realtà interessante, sarà bravo tanto in Primavera quanto a Natale. L’attrattività dipende dalla capacità di fare impresa, non dal calendario».

 

Come state supportando i negozi a destagionalizzare il mercato del Giocattolo?

 

«Kinetic Sand, Paw Patrol e Dragons sono esempi di tre brand che hanno sviluppato un business molto interessante in Primavera. Lo faranno anche nel 2016. A questi stiamo pianificando di affiancare almeno altri quattro brand significativi per tutti i 12 mesi: tra questi Bunchems, in lancio nel primo trimestre, avrà un grande impatto nel mondo dell’Art & Craft».

 

Contenuti correlati : destagionalizzare Dino Canuti Spin Master Natale giocattolo
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 15 Giugno 2020
    Il Natale che verrà
    È ora per il mercato di pensare al periodo più importante dell’anno. L’ultimo trimestre vale già oltre la metà
Wajda Oddino - Toy Store

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Giocattoli

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy