05 Luglio 2011  15:23

Agcom, si dimette il commissario Magri

THAA
Agcom, si dimette il commissario Magri

Domani è previsto il consiglio dell’Autorità per la delibera del provvedimento contro la pirateria

Alla vigilia dell’importantissima giornata di domani, che potrebbe dare una parola definitiva sulla delibera Agcom per la tutela del diritto d’autore, e in occasione della quale si sono mobilitate anche le associazioni delle videoteche con l’organizzazione di presìdi sotto la sede dell’Autorità (vedi agenzie http://www.e-duesse.it/News/Home-video/AgCom-le-videoteche-chiamate-a-raccolta-il-30-giugno-115317 e http://www.e-duesse.it/News/Home-video/Agcom-scende-in-campo-Assovideo-115438), si registrano nuove dimissioni. Ha infatti lasciato il proprio ruolo di commissario interno Gianluigi Magri. Queste dimissioni fanno seguito a quelle di circa due mesi fa di Nicola D’Angelo e lasciano, stante la situazione attuale, il campo a Sebastiano Sortino in veste di relatore unico. La speranza è ovviamente che a questo punto non ci siano ulteriori ritardi e le resistenze messe in campo da chi si oppone al provvedimento Agcom, giudicato da più parti invece equilibrato e potenzialmente efficace (anche dall’amministrazione Obama: http://www.e-duesse.it/News/Home-video/Pirateria-all-amministrazione-Obama-piace-la-ricetta-Agcom-116326), non abbiano il sopravvento.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

crediamo fortemente in AGCOM

nonostante le pressioni di chi vorrebbe lasciare le cose così come sono, ovvero una rete dove tutto è consentito, una rete anarchica, senza regole dove è possibile commettere illeciti coperti dall'anonimato e protetti dal muro della privacy, AGCOM in questa situazione esasperata ha dimostrato di avere quel coraggio e quella voglia di cambiare che a pochi è riconosciuta, tutta l'italia poi ringrazierà, oggi proprio grazie ad AGCOM questo paese trova consenso nel clima internazinale, se questo provvedimento non venisse attuato, faremo una pessima figura agli occhi del mondo e non conteremo più nulla, visto con quanta forza siamo arrivati fino quì, ora è impossibile tornare indietro, dobbiamo necesariamente andare avanti ed AGCOM con tutta l'industria a suo fianco deve compiere quest'ultimo passo.

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Homevideo

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy