05 Novembre 2018  10:17

Dall’Agcom nuove linee guida per il recesso dalle pay tv

Eliana Corti
Dall’Agcom nuove linee guida per il recesso dalle pay tv

©pixabay

Obiettivo: garantire tutele precise nel momento in cui si recide da un contratto o si cambia operatore

Con delibera 487/18/CONS, Agcom ha approvato le nuove “Linee guida sulle modalità di dismissione e trasferimento dell’utenza nei contratti per adesione”, che vanno a chiarire le modalità tramite le quali l’Authority vigilerà sulla «corretta applicazione, da parte degli operatori di telecomunicazioni e di reti televisive, delle norme che regolano il passaggio ad altro gestore o il recesso per volontà degli utenti». Si tratta di casi distinti da quelli che riguardano variazioni unilaterali dei termini contrattuali da parte degli operatori (per le quali gli utenti hanno diritto a recedere senza costi o penali), ma di quei casi in cui gli operatori possono richiedere la corresponsione di una serie di costi di recesso agli utenti. In particolare, Agcom ha stabilito che le spese di recesso non possono eccedere il canone mensile pagato all’utente, mentre la restituzione degli sconti dovrà essere « equa e proporzionata al valore del contratto ed alla durata residua della promozione». Agli utenti non verrà pertanto più richiesta la restituzione integrale degli sconti goduti, ma dovrà essere in misura inferiore a quella attuale. Gli utenti potranno inoltre scegliere se continuare a pagare le rate residue relative ai servizi e ai prodotti offerti congiuntamente al servizio principale) o pagarle in un’unica soluzione. La durata della rateizzazione dei servizi non potrà eccedere i 24 mesi. Sono stati inoltre rafforzati gli obblighi informativi e di comunicazione: gli operatori dovranno infatti rendere note tutte le spese che l’utente dovrà sostenere in corrispondenza di ogni mese in cui il recesso potrebbe essere esercitato.

Contenuti correlati : recesso agcom
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 26 Febbraio 2020
    Mfe: ad Amsterdam battuta Vivendi
    Il Tribunale di Amsterdam ha rigettato le istanze cautelari presentate da Vivendi con le quali si chiedeva di bloccare la fusione transfrontaliera tra...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy