17 Febbraio 2015  14:21

Frequenze, salta l’emendamento al Milleproroghe

Elena Rembado
Frequenze, salta l’emendamento al Milleproroghe

Resta dunque valido il decreto ministeriale che prevede il pagamento di un anticipo pari al 40% per quanto dovuto nel 2013

È saltato l’emendamento al decreto Milleproroghe, scritto al ministero dello Sviluppo Economico e attualmente all’esame della Camera, che avrebbe sottratto la competenza a decidere sul canone delle frequenze all’Agcom, restituendola al Governo, che sarebbe stato legittimato a scrivere una legge in materia, che avrebbe attenuato gli sconti a Rai e Mediaset. Resta dunque valido il decreto ministeriale che prevede il pagamento di un anticipo pari al 40% per quanto dovuto nel 2013. Anticipo già versato dalla Rai e da Mediaset. Il gruppo di Cologno verserà, nella peggiore delle ipotesi, 13mln (contro gli oltre 20mln pagati nel 2012).

Contenuti correlati : frequenze emendamento Milleproroghe decreto canone Agcom Governo Rai Mediaset
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 30 Ottobre 2014
    5° Fiction Day: cresce la programmazione
    Dalle 452 ore trasmesse nella stagione 2012/2013 alle 490 nel 2013/2014, che diventano 505 se si inseriscono nel computo le 15 ore mandate in onda da Sky.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy