30 Marzo 2017  09:25

L’Avvocatura di Stato “salva” i compensi delle star Rai

Eliana Corti
L’Avvocatura di Stato “salva” i compensi delle star Rai

Le prestazioni artistiche vanno considerate in maniera distinta e non gravano sul canone

Il tetto dei 240mila euro annui imposto ai manager Rai non si estende agli artisti: è il parere dell’Avvocatura dello Stato chiesto dalla Presidenza del Consiglio sul tema. Secondo quanto riportato da Ansa, secondo l’Avvocatura, consulente giuridico del governo, le prestazioni artistiche vanno considerate in maniera distinta da un punto di vista normative e la loro remunerazione non grava sul canone, in quanto coperta dalla raccolta pubblicitaria. Rai, inoltre, deve poter operare in regime di parità concorrenziale e pertanto i compensi vanno valutati in tal senso. Nel parere si fa riferimento alla norma della Finanziaria 2007 che, mentre fissava un primo tetto alle retribuzioni Rai, escludeva le prestazioni artistiche e professionali (articolo 3, comma 44 della Legge 244).

Contenuti correlati : avvocatura di stato rai compensi tetto
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 06 Marzo 2019
    Tivù di marzo è online
     È decisamente glocal il nuovo numero di Tivù, il mensile dedicato al business tv e adv edito da Duesse Communication, online con il numero di

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy