12 Novembre 2014  16:16

L’identikit del lavoratore radiotv

Elena Rembado
L’identikit del lavoratore radiotv

È emerso da un’inchiesta svolta dal sindacato dei lavoratori della comunicazione Slc-Cgil, insieme all’Associazione Bruno Trentin

Partite Iva spesso imposte, collaborazioni discontinue e paghe basse. È questo il mondo di chi lavora dietro le quinte di radio e tv, emerso da un’inchiesta svolta dal sindacato dei lavoratori della comunicazione Slc-Cgil, insieme all’Associazione Bruno Trentin, al fine di approfondire la conoscenza delle condizioni dei lavoratori con contratti a termine (subordinati, parasubordinati e autonomi), operanti in “aziende-leader” e in appalto (oltre 500 hanno risposto a un questionario online di 61 domande). Tra chi ha risposto, l’80% lavora per produzioni tv e il 13% per produzioni web. L’identikit del lavoratore precario radiotv è: uomo, 40 anni, con un’esperienza nel settore che va dai 6 ai 15 anni, in possesso di una laurea, non sposato né convivente e senza figli. Il 32% è un lavoratore autonomo, il lavoro a chiamata coinvolge un rispondente su quattro (25,5%); i lavoratori parasubordinati (con contratto a progetto, collaborazione occasionale e lavoro accessorio) sono il 13%; i lavoratori subordinati sono il 21% (per la maggior parte a tempo determinato, seguiti da una quota consistente di dipendenti a tempo indeterminato). La condizione di “lavoro a termine” è considerata come una condizione strutturale del settore per la maggior parte dei rispondenti. Quanto ai profili professionali, si tratta di tecnici e operatori (32,8%), maestranze (8,1%), impiegati in produzione e organizzazione (11,8%), tecnici di post-produzione (9,9%) e lavoratori dell’area editoriale e creativa (37,4%). La condizione più diffusa è quella della pluricommitenza, ma anche la monocommitenza espone al precariato. Il 41% è stato assunto per più di 180 giorni, dunque ha coperto contrattualmente un periodo abbastanza lungo, anche se il campione è variegato e il lavoro discontinuo o che non riesce a coprire l’annualità è un problema diffuso: uno su tre ha lavorato per meno di 90 giorni (34%). La disoccupazione è un problema diffuso. Nel 2013, per il 43% dei rispondenti, il periodo massimo di disoccupazione è durato tra i 31 e i 90 giorni, quasi uno su quattro (24%) ha dichiarato di essere stato disoccupato per più di tre mesi e solo il 10% dichiara di avere lavorato senza nessuna interruzione. Il settore si caratterizza per un forte carico di lavoro: la metà dei rispondenti supera le 40 ore di lavoro settimanali (soprattutto le maestranze, i lavoratori dell’area editoriale/creativa e quelli della produzione/organizzazione). Gli stipendi, infine, sono bassi e ci sono numerosi ritardi nei pagamenti. La maggior parte (il 38%) ha un reddito inferiore ai 10mila euro l’anno e solo uno su quattro (26%) supera i 20mila euro l’anno.

 

Contenuti correlati : lavoratore radiotv Slc-Cgil subordinati parasubordinati autonomi

EDITORIALISTI

  • 11 Dicembre 2019
    La qualità non basta
    Da qualche stagione a questa parte, la Golden Age della fiction italiana sembrava cosa fatta: serie tricolori che planano...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 20 Gennaio 2012
    La proposta di Gori per la Rai
    Riformare la governance della Rai, ispirandosi alla Bbc. Un’autorità super partes (il capo dello Stato) dovrebbe nominare un trust con funzioni di...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy