24 Aprile 2019  09:45

L’online video supera il via cavo

Eliana Corti
L’online video supera il via cavo

©pixabay

L’analisi della Mpaa (Motion Picture Association of America): dal 2014 la spesa digitale è aumentata del 170%

Il consumo home entertainment (che comprende contenuti disponibili in formato digitale su disco) ha raggiunto nel 2018 una cifra pari a 55,7mld di dollari a livello mondiale, per un incremento del 16%: lo attesta il Theme Report 2018 di Mpaa, la Motion Picture Association of America. Driver della crescita, il digitale, con un +24% negli Usa (per una cifra complessiva pari a 17,5mld) e del 34% a livello internazionale (25,1mld). Dal 2014 la spesa digitale è aumentata del 170% a livello globale, mentre il consumo su supporto fisico si è ridotto del 48%. Nel 2018 il numero di abbonamenti a servizi online video è aumentato del 17% negli Usa (186,9mln); la maggior parte delle abitazioni ha sottoscritto abbonamenti a servizi fisici e online. Il numero di abbonamenti a servizi online risulta pari a 613,3mln (+27% sul 2017), superando per la prima volta gli abbonamenti via cavo, che ora sono pari a 556mln di euro. Nonostante il calo degli abbonamenti, il via cavo resta comunque la piattaforma video con i ricavi più alti (118mld). Sul fronte produttivo, nel 2018 sono stati trasmesse 496 serie scripted su tv tradizionale, cable e servizi online Usa per un incremento del 28% sul 2014 e un +385% sui servizi online. Includendo nel computo anche altre categorie (serie unscripted, programmi per bambini e drama destinati al daytim) le serie originali trasmesse nel 2018 sarebbero pari a 1620.

Contenuti correlati : mpaa svod digital

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2020
    Tanto tuonò che piovve
    Le parole d’ordine sono selezione e razionalizzazione, che – tradotte in soldoni – vorrebbero dire: non c’è più spazio per tutti.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 28 Febbraio 2008
    Wi-max: chiusa l’asta
    Per un totale di oltre 130mln di euro, si è chiusa – dopo nove giorni – l’asta per ll'assegnazione delle licenze sulla tecnologia Wi-max.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy