20 Novembre 2014  11:25

Scandalo Bill Cosby: stop alle repliche in tv

Eliana Corti
Scandalo Bill Cosby: stop alle repliche in tv

Bill Cosby

Riemergono le accuse di violenza sessuale contro il protagonista de “I Robinson” e i canali cancellano i suoi show

La rete televisiva Usa Tv Land ha deciso di cancellare le repliche de “I Robinson”, programmate per questo periodo. È solo l’ultima di una serie di stop alla presenza televisiva di Bill Cosby, il protagonista de “I Robinson”, accusato di violenza sessuale. Le accuse non sono una novità, ma lo scandalo è riemerso dopo l’annuncio di una nuova produzione targata Nbc prevista per il 2015 nella quale Cosby avrebbe dovuto interpretare il patriarca di una famiglia. Una delle sue accusatrici, Barbara Bowman, aveva definito l’idea di far interpretare a Cosby un capofamiglia «irresponsabile». Sull’onda delle polemiche, Netflix aveva deciso di posticipare lo special “Bill Cosby 77”, in programma per il giorno del Ringraziamento. A questo è seguito lo stop di Nbc alla nuova serie tv. Nel 2006 Cosby aveva raggiunto un accordo extragiudiziale con una sua accusatrice, Andrea Constand, ma secondo i documenti della corte, ci sarebbero state almeno altre 13 accuse simili. L’ultima a essersi dichiarata vittima di Cosby è stata Janice Dickinson: l’ex modella ha dichiarato di essere stata violentata nel 1982 e di aver voluto raccontare l’episodio nella sua biografia (“No Lifeguard on Duty: The Accidental Life of the World's First Supermodel”), pubblicata nel 2002, ma di aver dovuto rimuovere il passaggio su richiesta degli avvocati di Cosby. L’attore ultrasettantenne non ha rilasciato commenti, ma ha cancellato le sue apparizioni televisive. Attualmente, repliche de “I Robinson” sono in onda su Centric (come Tv Land di proprietà di Viacom) e, online, su Hulu e Amazon.

Contenuti correlati : Bill Cosby Nbc Robinson Usa Tv Land tv
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 30 Ottobre 2015
    Sì al tetto agli spot per le pay tv
    I diversi tetti agli spot tra tv in chiaro e a pagamento sono legittimi: lo ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza 210 (relatore, Giuliano...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy