29 Maggio 2018  09:39

Serie A: la Lega dà il benservito a Mediapro

Eliana Corti
Serie A: la Lega dà il benservito a Mediapro

Approvata la risoluzione del contratto con gli spagnoli, torna in pista Sky

È la fine dell’avventura spagnola nel calcio italiano: i club di Serie A hanno approvato all’unanimità la risoluzione del contratto con Mediapro, non ritenendo sufficienti le garanzie finanziarie presentate. Nel corso dell’assemblea di ieri, Mediapro era tornata a insistere sulla creazione di un canale della Lega, subordinando al progetto il versamento da 186mln a titolo di garanzia che i club aspettavano da giorni. Il canale, spiegano gli spagnoli, sarebbe servito a «evitare ulteriori attacchi di Sky». E invece, sembra proprio che sarà la media company italiana ad accaparrarsi, alla fine, i diritti del campionato. Sky avrebbe incrementato la sua offerta: nei prossimi giorni dovrebbe essere pubblicato l’invito a partecipare a una trattativa privata, in modo da aprire le buste con le offerte entro il 12 giugno. Mediapro ha ora sette giorni di tempo per presentare la fideiussione da 1,2mld e scongiurare dunque la rescissione del contratto, ma tutto fa pensare che la Lega procederà ora alle trattative private. Nel corso dell’assemblea di ieri sono stati inoltre eletti i consiglieri federali che rappresenteranno i club di A in Figc: Claudio Lotito (presidente della Lazio) e Giuseppe Marotta (ad della Juventus). Luca Percassi (ad dell’Atalanta), Alessandro Antonello (a.d. dell’Inter), Stefano Campoccia (vice presidente dell’Udinese) e Marco Fassone (ad del Milan) sono stati nominati consiglieri di Lega. Con l’assemblea di ieri, si è inoltre conclusa l’esperienza di commissario di Giovanni Malagò.

Contenuti correlati : serie a sky mediapro diritti
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 30 Ottobre 2008
    Rai: nuovo affondo di Silvio Berlusconi
    Silvio Berlusconi torna ad attaccare la televisione, in particolare il servizio pubblico, reo di diffondere ansia nel Paese invece di «cooperare» con messaggi più positivi.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy