03 Giugno 2020  10:08

Set e Covid-19: dal Canada una soluzione sul nodo assicurazioni

Eliana Corti
Set e Covid-19: dal Canada una soluzione sul nodo assicurazioni

©pixabay

I produttori sono al lavoro per una soluzione che coinvolga anche il governo

L’associazione dei produttori audiovisivi canadesi Cmpa – Canadian Media Producers Association sta sviluppando una proposta per risolvere il nodo dell’assicurazione Covid-19 per garantire un ritorno sui set in sicurezza e senza un ulteriore aggravio dei costi di produzione. Lo riporta Variety. La questione assicurativa è una delle più spinose per il ritorno in sicurezza alla produzione e riguarda sostanzialmente tutti i Paesi, anche in Italia (come spiegato dal presidente di Apa Giancarlo Leone su Tivù di maggio). In quasi tutto il mondo, le assicurazioni stanno rifiutando l’estensione delle coperture al Covid-19, mettendo a rischio l’economia del settore dell’audiovisivo, i cui costi di produzione aumenteranno necessariamente a causa dell’implementazione dei protocolli di sicurezza.“Quello delle assicurazioni è il primo problema per il ritorno alla produzione; spetta al governo intervenire”, ha dichiarato ieri, a proposito del mercato Uk, Jeremy Roberts, Partner and Head of Broadcasting & Content Distribution dello studio legale Sheridans, nel corso del webinar organizzato da Tbi Vision.

La soluzione canadese. Secondo quanto riporta Variety, la Canadian Media Producers Association sta sviluppando una proposta per una soluzione “basata sul mercato”, chiedendo al governo federale di fungere da supporto per le richieste assicurative. La proposta prevede che i produttori versino dei premi per accedere alla copertura Covid-19, i quali confluirebbero in un fondo dedicato a pagare le potenziali richieste. Il governo contribuirebbe finanziariamente solo se i fondi generati attraverso la vendita delle polizze non fossero sufficienti a coprire le richieste avanzate. Il supoprto del governo potrebbe restituire fiducia al mercato, incoraggiando le assicurazioni a offrire le copertura, in assenza delle quali molte produzioni non ripartirebbero. Secondo la Cmpa, in aprile lo stop alle produzioni ha messo a rischio 172mila posti di lavoro e potrebbe costare all'audiovisivo canadese circa 1,8mld di dollari se il lockdown dovesse protrarsi fino alla fine di giugno.

Contenuti correlati : coronavirus assicurazioni canada
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 05 Giugno 2020
    La TV specchio del futuro
    Karl Popper sosteneva che il futuro fosse aperto, che dipende dalle nostre azioni, che a loro volta dipendono dai nostri...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy