14 Settembre 2007  00:00

Tg1: rivoluzione nella grafica e nei contenuti

TVer

Uno studio più multimediale, nuova sigla, meno dichiarazioni riportate e più interviste in diretta, nuove rubriche

Alle 20 di lunedì 17 settembre debutta il “Tg1 secondo Riotta”: nuova veste grafica, più multimedialità e contenuti più vicini agli spettatori, per un telegiornale che intende consolidare il distacco dagli ascolti del competitor Tg5 (già salito, da quando è direttore Gianni Riotta, dal 3,8% al 4,8%). A cambiare sono lo studio, la sigla, le rubriche ma, soprattutto, i contenuti. In particolare, l’informazione politica deve guardare meno al Palazzo e più al pubblico, con meno dichiarazioni riportate e più spiegazioni, servizi di analisi e interviste in diretta. Per quanto riguarda l’”involucro”, una nuova musica accompagna i titoli, la scrivania si allunga per accogliere gli ospiti (mentre la doppia conduzione potrebbe partire un po’ più in là) e lo studio diventa multimediale, con immagini a scorrere nella parte bassa dello schermo tv.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 23 Gennaio 2018
    Netflix, record di abbonati nel Q4
    È un giorno di festa per Netflix, che ha chiuso il quarto trimestre del 2017 in forte crescita. A partire dal numero di abbonati, che sono cresciuti...

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy