24 Agosto 2015  17:25

Usa, crollano gli abbonati pay

Francesco Perugini
Usa, crollano gli abbonati pay

Persi 625 mila contratti nel trimestre aprile-giugno. E la pubblicità scappa dalla tv tradizionale

La pay tv perde 625 mila abbonati nel trimestre aprile-giugno: una fuga verso i nuovi servizi di streaming più convenienti come Amazon e Netflix (10 dollari l’abbonamento medio contro gli 87 della tv a pagamento). Dipinge lo scenario la società di consulenza Snl Kagan: dopo il peggior calo di sempre, gli utenti pay negli Stati Uniti restano leggermente al di sopra del tetto dei 100 milioni (100,4). Tra le emittenti che hanno denunciato l’emorragia maggiore ci sono Walt Disney, Time Warner e Viacom. Tra i primi gruppi a rispondere ci sono invece Comcast e Dish Network che stanno proponendo pacchetti economici con un ridotto numero di canali e accessibili via internet. La tv tradizionale non sembra piacere nemmeno più agli inserzionisti. I dati trimestrali parlano chiaro: -14% di ricavi per 21 Century Fox, -9% per Viacom, Cbs -3% come Espn.

Contenuti correlati : Usa abbonati pay tv streaming
Iscriviti alla nostra newsletter

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Settembre 2020
    Poker al femminile
    Quattro numeri, quattro donne, in sequenza, su altrettante copertine di Tivù. La presidente di Doc/it, Claudia Pampinella,...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 29 Settembre 2017
    Roberto Nepote alla presidenza di Rai Com
    Roberto Nepote, attualmente direttore del Centro di Produzione Tv Rai di Torino, è stato nominato dal cda Rai presidente di Rai Com, approvando la proposta del dg Rai Mario Orfeo.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy