24 Luglio 2015  09:41

Esport: è già doping

Matteo Bonassi
Esport: è già doping

L'Electronic Sport League è già costretta a ricorrere a contromisure per arginare il fenomeno

La denuncia è arrivata direttamente da alcuni videogiocatori professionisti di Counter Strike, che hanno ammesso l'uso diffuso di Adderall durante le competizioni (una sostanza che aumenta esponenzialmente lo stato di attenzione prolungandolo nel tempo per diverse ore). A queste dichiarazioni le due associazioni ESL e ESEA hanno subito risposto esprimendo la volontà di mettere in atto delle contromisure per arginare il fenomeno. La World Anti-doping Agency e la National Anti Doping Agency stanno già lavorando per inserire controlli antidoping casuali durante i tornei, proprio come avviene ad esempio nel calcio o nel ciclismo.

 

Contenuti correlati : Adderall doping Electronic Sport League antidoping esport Counter Strike tornei
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

  • 07 Giugno 2007
    Mad Catz: fatturato a –1%
    Mad Catz, produttore americano di accessori videoludici (distribuito in Italia da Leader), ha fatto registrare entrate pari a 99,7 milioni di dollari ...

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy