17 Novembre 2014  11:22

Tozzi, ecco perché in Italia si innova poco

Elena Rembado
Tozzi, ecco perché in Italia si innova poco

Riccardo Tozzi, presidente di Anica

Occorrerebbe avere in Rai almeno una rete in più per cui produrre, ma con un profilo diverso dalle altre due

«Le storie le trovi, il problema non dipende dai produttori ma dalle reti». I canali generalisti sono troppo uniformi. Così il produttore Riccardo Tozzi, presidente di Anica, che con la sua Cattleya coprodurrà, insieme al francese Canal+, “Zerozerozero” dal libro di Roberto Saviano, ha spiegato a “la Repubblica Affari&Finanza” perché in Italia si produce ancora troppo poco per i mercati internazionali. Secondo Tozzi, sette reti generaliste sono troppe. In più, i due maggiori broadcaster hanno insieme quasi una trentina di canali, per alimentare i quali occorre acquistare tanto prodotto straniero, concentrando gli sforzi produttivi solo su un tipo di pubblico. «Occorrerebbe avere in Rai almeno una rete in più per cui produrre, ma con un profilo diverso dalle altre due».

Contenuti correlati : presidente Anica coproduzione Cattleya Canal+ Zerozerozero Roberto Saviano Riccardo Tozzi Rai Anica Italia
Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 07 Settembre 2020
    Poker al femminile
    Quattro numeri, quattro donne, in sequenza, su altrettante copertine di Tivù. La presidente di Doc/it, Claudia Pampinella,...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 25 Settembre 2019
    Sky Q anche sulla fibra
    Dopo il lancio su satellite, Sky Q arriva anche sulla fibra. I clienti che hanno già aderito possono già accedere all’area personale del sito sky.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy