27 Aprile 2017  10:47

I millennials italiani sono poco “smartphone addicted”

Gianfranco Caccamo
I millennials italiani sono poco “smartphone addicted”

I giovani nostrani usano il cellulare essenzialmente per comunicare, meno per giocare o far shopping

Recentemente in Olanda sono stati posti sui marciapiedi dei led semafori per chi usa lo smartphone camminando, un fatto significativo che dimostra a che livelli sta arrivando la dipendenza da smart device. Nell’immaginario collettivo chi fa più uso dei smartphone sono i millennials, le nuove generazioni, ma non sembra essere sempre così. Una ricerca effettuata da Uniplaces, sito web specializzato al settore degli affitti per studenti universitari, ha evidenziato che i ragazzi italiani non sono così “smart addicted” come alcuni loro coetanei europei, che fanno maggior uso dello smartphone. Il 53% dei giovani italiani dichiara di poter tranquillamente fare a meno di utilizzarlo per un intero giorno, mentre il 24% è convinto di poter resistere anche per più giorni. Solo il 23% pensa di non poter restare nemmeno un giorno senza telefono. Al contrario il 55% ragazzi britannici dichiara di non poter fare a meno del telefono per un giorno intero. Facendo una media a livello europeo, gli smartphone-dipendenti (intesi come coloro che hanno dichiarato di non poter resistere per un giorno senza il proprio dispositivo) sono il 33% del totale. Gli italiani utilizzano lo smartphone essenzialmente per comunicare, i principali usi riguardano infatti il mantenere i rapporti con gli amici (indicato come uno dei maggiori utilizzi dal 70% degli intervistati italiani) e il controllare i social media (65%). In Italia riscuotono invece scarso successo i giochi (solo il 9% degli intervistati li considera una delle principali attività per cui utilizza lo smartphone) e soprattutto lo shopping online (7%). I ragazzi italiani infatti non sembrano apprezzare molto la possibilità di acquistare direttamente dal proprio dispositivo mobile: il 32% di loro afferma di non effettuare acquisti da telefono; il 25% utilizza il telefono per informarsi sui potenziali acquisti, ma preferisce poi comprare da desktop; un ulteriore 17% sceglie invece di acquistare offline dopo una prima fase di ricerca di informazioni via smartphone. Infine sembra che “Sono lontani i tempi in cui, per passare il tempo in bagno, non c’era di meglio da fare che leggere l’etichetta dello shampoo. Ora al suo posto ci sono Whatsapp e Facebook” ironizza Uniplaces nella nota stampa, infatti alla domanda su dove avessero utilizzato il proprio dispositivo nelle ultime 24 ore, gli italiani hanno risposto principalmente “mentre sono in bagno” (55%) e “mentre cammino” (53%).

Contenuti correlati : Uniplaces millennials smartphone social media shopping online Whatsapp Facebook
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 31 Ottobre 2018
    Unieuro amplia i pv con corner WiFix
    Da oggi anche il punto vendita Unieuro del centro commerciale Puntadiferro, a Forlì, ha il suo corner WiFix dedicato a servizi di riparazione,